NASCE PER TE!

Messaggio di auguri dell’Arcivescovo di Rossano-Cariati per il Natale 2006



«E’ nato per noi» (Is 9, 5). «E’ nato per voi» (Lc 2, 11).
Così, nella Bibbia, è preannunciata dai profeti e annunciata dagli angeli la venuta di Gesù. Un Bambino, il Salvatore, che nasce. E nasce per noi.
Quanta novità, normalmente, circonda la nascita di un bambino in una famiglia! Tutto ne è sconvolto: i ritmi di tempo e di sonno, i criteri di valutazione, le dinamiche affettive, la capacità di agitarsi e di sorridere… Sì. Tutto è sconvolto: ma tutto è illuminato. Quella piccola creatura diventa inevitabilmente il centro di tutto, dal quale promana una luce nuova che attrae ed interroga; che costringe, in un certo senso, a tornare bambini; che insegna a guardare la vita con i suoi occhi; che aiuta a rinascere.
Questo continua a sussurrare la mangiatoia di Betlemme, quella “culla” dalla quale il mondo ha dovuto accettare di essere sconvolto ed illuminato; attorno alla quale ci inginocchiamo ancora ogni Natale, ogni giorno: per tornare bambini con il Dio Bambino, per guardare la vita con i Suoi occhi, per rinascere con Lui che nasce per noi.
Nasce, il Bambino di Betlemme, in tutti i bambini e innocenti della terra e della storia. Nei bambini rifiutati ed uccisi, abbandonati e venduti, abusati e violati. In quelli vittime dell’odio, della guerra, nei bambini – soldato. Nasce nei bambini che muoiono per la fame di pane o per la fame d’amore; nei bambini che portano le ferite dei conflitti familiari ed in quelli che già portano, nella sofferenza e nella malattia, la croce di Cristo.
Nasce, Gesù Bambino. E nasce per noi.
Nasce nei nostri bambini, nei tanti bambini di questa Diocesi che ho incontrato ed incontro, che ho baciato ed accarezzato, che tanta festa mi hanno fatto: in questo mio “primo Natale” fra voi è per loro, per i più piccoli, il mio primo pensiero. Per i bambini che popolano le nostre Chiese, le nostre scuole, le vostre case. Punti di luce in un mondo che spesso sceglie le tenebre; volti che portano una scintilla della Luce di Betlemme e ce la consegnano, perché anche noi ci lasciamo illuminare.
«La luce splende nelle tenebre» (Gv 1, 5), leggeremo nel Vangelo di Natale. E crederemo alla Parola: le tenebre non possono e non potranno vincerla!
Occorre tornare bambini per vivere veramente il Mistero del Natale del Signore: per accoglierne e portarne la Luce nelle tenebre dei nostri odi e delle vendette, dei contrasti familiari e sociali, del nostro cercare la fama e il denaro, della nostra superficialità e della testimonianza antievangelica che così spesso noi cristiani (presbiteri, religiosi e laici) offriamo.
Occorre tornare bambini. E non in senso “romantico”, ma con tutti quei bambini cui l’infanzia è negata: vittime e simboli di una società individualista ed ingiusta, fondata sull’opulenza, sul potere, sul piacere.
Solo guardando il mondo con gli occhi di quei bambini possiamo comprendere a cosa può arrivare il male nell’uomo. Ma solo guardando il mondo con gli occhi dei bambini possiamo rinascere alla speranza.
E allora sì, nasce il Bambino di Betlemme, per te che torni bambino e accetti di guardare il mondo con i Suoi occhi: occhi che sanno scoprire il male ma accorgersi del bene.
Nasce per te che ti inginocchi dinanzi alla mangiatoia, che è già una piccola croce, e accetti di fare di essa il centro della tua vita. Accetti di farti sconvolgere ed illuminare fin nelle più profonde fibre del tuo essere, del tuo peccato, della tua sofferenza, della tua dignità e bellezza di creatura umana: perché sia trasformato “l’odio in amore, l’offesa in perdono, il dubbio in fede, l’errore in verità, la disperazione in speranza”. E la morte in Vita.
Nasce per te che accetti che sia un Bambino a trasformarti, a convertirti, a farti rinascere; a portarti la Luce e la vera Pace. Un Bambino: il Dio Bambino che nasce ogni giorno. Per te!

Con Lui e in Lui ti benedico, con tutto il mio cuore.



Buon Natale!



Il tuo Vescovo
X Santo Marcianò
 

 
 

www.telerossano .it

  web tv di Rossano Calabro

www.calabriavision.it

web tv sulla Calabria